FRANCO ARMINIO presenta "Resteranno i canti" Bompiani in Piazzale S. Francesco, 1, 43121 Parma PR, Italia in caso di maltempo: Sala dei Concerti di Casa della Musica

LibrInCastello

  21:30
Parma, Cortile d'Onore di Casa della Musica (in caso di maltempo: Sala dei Concerti di Casa della Musica)
Ubik Salsomaggiore
  Locandina
Parma, Cortile d'Onore di Casa della Musica (in caso di maltempo: Sala dei Concerti di Casa della Musica)

Resteranno i canti

Arminio Franco

Bompiani (2018)
15 €
 9788845297304
Per Franco Arminio l'organo della vista sono le parole, molto prima degli occhi. Le parole sanno posarsi su dettagli che fino a un minuto prima erano invisibili, illuminandoli. Nascono nel silenzio, ma ridanno voce ai paesi spopolati. Sanno di essere fragili, ma non temono il "lupo nascosto dietro lo sterno". In una perenne oscillazione tra uno scrivere che cerca la vertigine e uno scrivere che dà gloria all'ordinario, Arminio si muove senza tregua tra i due poli della sua poesia: l'amore e la Terra, il corpo e l'Italia, la morte e lo stupore. Si tratta di festeggiare quello che c'è e di cercare quello che non c'è. Fedeli ai paesaggi, seguendo la strada di una poesia semplice, diretta, non levigata, questi versi sono una serena obiezione al disincanto e alla noia. La politica, l'economia, le cosiddette scienze umane, sono gomme lisce nella neve. Solo la poesia ha le catene.
@svulazzosvulazzo
28 gennaio 2020
Un paesologo è un poeta di prossimità, una dimensione sospesa tra l'azione e l'inerzia, la consapevolezza e l'istinto, il bisogno di condivisione e la ricchezza espressa dalla solitudine. Le poesie di Arminio profumano di terra, di borghi, di giovani e di vecchi, di sguardi, di corpi, di stagioni, di morte, di fine, di rinascita e di laica resurrezione. Tra i canti d'oggi potrebbe restare questo: https://youtu.be/dXPjWdUPcB4